Ecco questo post non leggetelo fa piangere.  A me fa piangere a scriverlo .Ecco il mondo che vorrei..da bambina era avere giocattoli come gli altri bambini, la mia prima bambola era un ciccio bello pacciutto e poi una bambola di ceramica di vestitino vellulo viola con viso buono. Questi due sono stati i miei giochi . Andavo scalza .. i miei nonno erano molti poveri.  Il mondo che avrei voluto era una mamma che mi accarezzava, non essere minuta e malata sempre da bambina e fragile.Da da allora nelle scuole medie avevo due tre galli che mi aspettavano fuori la scuola per spingermi..e poi riesci a mala pena a diplomarti..Perchè non ci mettiamo la sfiga che il primo amore 17 enne rimani anche incinta e decici di  non tenerlo, perchè hai paura che te lo portano via. E vado a vivere da sola, e non trovo lavoro, ma avrei preferito un lavoro da segretaria, ma non avevo fortuna, il mio mondo era quello di avere fortuna almeno nel lavoro e cosi inizia a sgobbare lavando pavimenti e bagni.E non mi vergogno..Mi davano i soldi per mangiare, ma non era tanto allora decidi di cercare oltre di migliorare.Incontri l’uomo della tua vita, ma invece è un pezzo di merda…ma se lo porta via un tumore schifoso..e finalmente trovo Rainer. Ecco il mondo che vorrei oggi..non lo voglio cambiare rispetto ad ieri. Sono felice che ero stata povera , perchè mi ha dato un pezzo di cuore per commuovere.. E dopo tutte sta tragedie? Credete che non supero il progetto Duo? Anche le montagne dell’Everest supero e salgo. Alla facciazza di chi mi vuol male.