Dopo la stimolazione di gonal che faccio da sei giorni con punture.Sincera non mi da nessun problema se non la puntura nella pancia che con tanto amore stranamente mi sta facendo mia cognata Anja che è infermiera, zitella a vita. Anzi forse ho deciso anche di farmele fare da lei, perchè è l’unica che ha sempre da pensar male e chiaccherare in famiglia, me lo dice mio marito anche.Anja se ti sorride corri…E così ho usato l’astuzia. Ho deciso di farmele fare da lei le punture, così capisce, la fatica, e vede l’impegno e la sofferenza che ci metto per una cosa nostra e vede anche Rainer attento in quel momento. Però alla fine la ringrazio con un regalo..e veramente cambiata l’opinione di me, l’ho vedo nel suo viso. E’ questo e gia buono.

Domani sera alle 18  siamo al centro a fare la prima ecografia di controllo, e vedere che si siano formati almeno i follicoli, che poi saranno aspirati e che poi servono per icsi.

Ho un po’ di paura, ma ho pregato queste sere. Ho ripreso il mio piccolo libro di preghiere di San Michele..e si nella paura si prega..è ‘unica cosa che ci rimane..Con una piuma come segna libro.. Ed avevo fatto promessa che stasera. Che la preghiera all’arcangelo San Michele l’avrei messa qui.

https://i0.wp.com/www.giuseppeborsoi.it/wp-content/uploads/2008/09/ridimensiona-dimichael3.jpg

 

Angelo che presiedi a custodia generale di tutti gli Angeli della terra, non mi abbandonare. Quante volte ti ho addolorato con le mie colpe… Ti prego, in mezzo ai pericoli che circondano il mio spirito, mantieni il tuo appoggio contro gli spiriti maligni che cercano di buttarmi in preda al serpente della lusinga, al serpente del dubbio, che attraverso le tentazioni del corpo cercano di imprigionare la mia anima. Deh! Non lasciarmi esposto ai colpi sapienti di un nemico tanto terribile quanto crudele. Fa’ che io possa aprire il mio cuore alle dolci tue ispirazioni, animandole ogni qualvolta parrà spegnersi in me la volontà del tuo cuore. Fa’ scendere nel mio animo una scintilla della soavissima fiamma che arde nel tuo cuore ed in quello di tutti i tuoi Angeli, ma che arde più che sublime ed incomprensibile a noi tutti e soprattutto nel nostro Gesù. Fa’ che al termine di questa miserabile e brevissima vita terrena, io possa venire a godere l’eterna beatitudine nel Regno di Gesù, che io giunga allora ad amare, benedire e gioire. Così sia.