Mi sono strafogata per colazione vabbe che era quasi le dodici, un piattone di spezzattino con pane nero, era lì rimasto che diceva” mangiami”..tipo l’altro giorno mangiavo pane burro e marmellata, e poi assieme un insalata di wurstel con cetrioli sotto aceto acerba, che marito mi guardava nauseato. Ma anche a voi vengono queste strane voglie?

Mia mamma quando era incinta di me mi racconta adesso che aveva voglia di pere, ma non pere verdi e sode, quelle stramature con ammaccatture tutte nere e quasi sfatte.

E ‘cosi’ ci siamo domani alla morfologica, ma in un centro ecografico  3D a Bad Wimpfed, no a Necharsulm dove vado sempre dal mio ginecologohttps://i0.wp.com/data6.blog.de/media/005/4646005_74dcfd6697_m.jpegBad Wimpfed che se non conoscete e’  un paesino   vicino dove vivo io, se doveste  passate dalla Germania visitate perche’ e’ un posticino che fa ricordare le stradi francesi ed il medioevo, con negozietti storici e antichita’ varie e la  torre Blu.

Sembra la cittadina delle fiabe.

Un po’  tesi per la morfologica siamo, pensando a nostro nipote. Rainer e’ nato  con un difetto alla vescica e reni, il sangue non veniva depurato,bene ne scaricato bene la pipi, e ritornava indietro nei reni..e cosi stese due anni dopo la nascita in un centro importante all’epoca, come ci racconta suo padre, ma molto lontano da casa e siccome i miei suoceri erano contadini era piu’ il tempo che stava da bambino mio marito in ospedale che chiamava l’infermiera capo mamma  e il dialetto era cosi’ diverso  da quello che parlavano i suoi genitori che quando torno quasi guarito dopo due anni a casa parlava un’altro dialetto.

A sette anni cadde dalla finestra di casa sua, sali su una sedia, e si butto da un po’ di metri e neanche un grafio.

Mio marito da bambino era una peste anche se, era sempre malatticcio.

Io nacqui invece di sei mesi, e l’ospedale era a Palermo e mia madre non poteva sempre venire..e stesi anche io un annetto e piu’ in ospedale al Bambin Gesu’ perche’ sono nata con la “camicia”avevo degli angiomi tumorali benigni due alla schiena ed una gamba destra ..non so chi e’stato il macellaio che mi opero, ma la cartina geografica nella schiena come ali me li porto ancora dietro.Quando mio marito mi guarda e massaggia la schiena gli dico” C’erano le mie ali li’..”

E cosi’ abbiamo le notre paure, ed ansie che normalissimo e normale che ci siano in una donna gravida. E normale porsi queste domande.

“Il mio bambino nascerà sano?”
“Di cosa ha bisogno mio figlio?”
“Come sarà il mio bambino? Sarà maschio o femmina?”
“Il parto è doloroso?”
“Cosa devo fare durante la gravidanza? E dopo?”
“Che tipo di madre sarò”?

Eh mi faccio domande come se li sono fatte migliaia di mamme prima di me. Ed e’giusto cosi.

Ed incrociamo le ditina per domani tutte insieme anche i piedi..e che Dio ci proteggi.

Un bacino a tutte voi care.https://i0.wp.com/www.blogmamma.it/wp-content/uploads/2010/09/partorire-con-epidurale.jpg