Mi sono svegliata alle 6.30 con un dolore da fastidio, ma era distesa che non riuscivo a stare…Mi sono alzata, pensando a bibbina che mi da di quei calci della sua presenza, e che prego l’angelo di Dio, che vadi fino all’ultimo bene. Mi sono preparata la colazione ed ho acceso la caraffa di caffe americano, sapendo che Rainer scendeva per andar a lavoro. Fuori buio, ricordo quando per cinque anni tutte le mattine mi alzavo alle 6.00 per andar a lavoro.

Abbiamo deciso di svuotar la cameretta di Bibbina, ma di arredarla dopo.  Solo decorarla.Poiche’ la culla ed il fasciatoio lo metto in primo tempo in camera da noi.

Ho un elenco infinito di cose da comprare, ma iniziero’ alla 30 esima settimana.

Pero’ da come sto male per le mani, mi sono fatta scendere una mini valigia con le ruote ed il mio beautycase ( che ha ancora Alitalia ticket  attaccato, la uso per i piccoli viaggi in Italia dalla mansarda da mio marito, almeno la mia borsa  inizio a prepararla, perche’ conoscendo marito, va in pallone e non trova neanche un paio di mutandoni  nei cassetti miei. Devo iniziarla, un pigiama mi sono ancora ordinata, delle canottiere devo ordinarmi..c’é ne roba da pensare se nasce un bimbo ed una bimba.

Incominciare a prepar il nido si dice.

Io vorrei tanto allattar bibbina.

Ho mangiato pane brustolito con formaggio e prosciutto, un bicchierone di latte macchiato, un bicchierone di succo di pera, un budino mi aspetta e un polpelmo rosa condito con miele.

Per mezzogiorno abbiamo il minestrone.

La stanchezza ritorna…Io mi riaddormento.