Valentina è a casa, ce la dovevano  dar Sabato, poi un pochetto di anemia hanno preferito farla stare al Tin il fine settimana..mi ero alzata stamattina alle 8 euforica, biberon sterilizzati, acqua cucinata per   usare per le pastigliette propanalol, come mi avevano detto nel frigo, acqua anche bollita nel termo..dovevamo prenderla per le 12…ci hanno fatto aspettare tra ultima eco angioma cervello e visitica oculistica ( terribile l’hanno torturata le ultime ore) fino alle sei di sera ( attesa terribile)..per darci il libretto di Valentina e dimissioni.. siamo arriva a casa alle 18,30..con attacco di fame di Valentina da nonna vicina che non poteva aspettar a domani( casa nonna) ( una rompi palle scusate quando ci vuol ci vuol al mio dire sta avendo un’attacco di fame andiamo ) mica la molla mi fa scappare a casa a far il biberon…che nell’ansia l’ho fatto troppo liquido, quindi si soffocava a cucciare e piagnoni, marito che calmava, pannolone pieno pianto, io che preparo le goccie del ferro  pianto da dare 15 minuti del biberon ed immaginate la piccola piangere dalla fame ed essere già un’ora dopo… poi marito calmava io a preparare le due siringette bocca di propanalol e natrium pianto mai pianto cosi’…Insomma come prima sera è stato un disatro… ci ho pianto anche io…Alle 21 noi due eravamo k.o,sembrava che una bomba aveva invaso casa nostra.. Valentina  adesso ronfa.Non saremo perfetti, ma ci ho messo tutta me stessa..anzi ci mettiamo tutto noi stessi.Ho preparato tre bottiglie di latte giuste stavolta, le medicine della notte …mi sto rilassando con questo post cinque minuti..Concedetemi cinque minuti… Perché scrivere mi rilassa..ho lasciato marito sul sofa e Valentina in culla vicini vicini…e che dire

sono felicissima di averla a casa. Domani andrà’ meglio..

Alle 23 come un orologio si sveglierà che ha famuccia. Pesa adesso 2780 e mangia tra 60-70 ml:-)

Vado a farmi un caffe`..