Sembrava esserci chiariti..sembrava..ma siamo caduti orrendamente nel buio profondo della nostra crisi matrimoniale…ieri notte. E non sto a raccontar i particolari, ne avrò un bel ricordo a vita..La cosa più brutta che mi ha rinfacciata che sto a pensare sempre ” Valentina, Valentina”. Veramente io non neanche il tempo di pensare a me..che dopo mia figlia non ho da pensar neanche a mio marito lo trovo normale.  Non esiste una scaletta.  Chi è più’ importante in ordine non esiste. Gia è un miracolo che ti prepari la cena, che riesca a farmi una doccia e che ho tempo di far pipi e tirar la catinella tra un biberon e l’altro. Non so cosa c’è che non va… e dall’estremo amore all’estremo sentire  tuo che la nostra coppia non sara’ più come prima, ne cene romantiche, ne mogliettina figa con i tacchi, ne uscitine a notte fonda con amici, ne sofà, ne telecomando e birra e patatine..e l’unica cosa che fai è portar Valentina la sera a passeggio in passeggino,con il muso, ai pannolini, urli di schifo , al biberon te ne vai in pallone se vedi che Valentina ha bisogno di aria…ma io non dico nulla e tu ti senti incompetente, ma da solo .Pero’ il tempo di organizzarti la tua terza già uscita con i maschioni  amici e fare un party l’hai avuto e l’avrai anche per questo Sabato, che avete organizzato in segreto § con l’amico invadente§ e non ti ho  negato ne di riposarti ,ne la notte ti chiamo mai, ti lascio riposare. Tu ti fai le tue belle riposate dalle 22-alle 7..e te li lascio fare pensando povero lavora. E tu hai anche il coraggio di rinfacciarmi che penso poco a te? Mi posso permettere di chiudere il cellulare oggi?

Si.