Ogni tanto scriverò come vanno i pensieri.

La giornata è stata stupenda stamattina, ci siamo ritrovati tutte e tre nel lettone tra cuscini, coperte e piumoni in total caos, biberon nel lavabo della cucina, gocce di latte nel parquet, ma ci siamo ritrovati tutte tre stretti stretti. La sigaretta fumata di corsa, mi aveva dato problemi al cuore. Rainer a veder come era bianca se spaventato, e silenzioso dava il suo meglio ad ascoltarmi senza farmi impazientire oggi.

E’ quella che è la mia famiglia mi ha detto giustificandosi..ed io guardo  sciagurata la sua famiglia?, quando la mia non ci sia poi tanto  e nulla da salvare. Mia madre ci ha avuto troppo giovane neanche tredicenne era al primo figlio,  figli di  padre un mascalzone da dimenticare. Ho sempre detto che era morto a tutti, mi faceva più facile non raccontare chi era e cosa aveva combinato mio padre..eppur ogni tanto si fa vivo. Se risposato con una Polacca dalle cosci  secche e bisognosa di portafoglio..quando la sento..l’unica cosa che urla sempre i soldi di tuo padre sono finiti..come se mi abbia mai sfamato con i suoi soldi sporchi. Hanno tre figli.Le mie meta sorelle hanno sei anni…e il piccolo tre,  lei rimaneva incinta io ero infertile, perché lei ha voluto far figli, in modo tale che non rimaneva nulla a me di eredita. Quelle poche volte che ho sentito mio padre  ci siamo sentiti di nascosto. Ma è sempre uguale, ogni tanto ne combina qualcuna, ogni tanto si ricorda di me. ..ed a ricordarmelo è stato il libro di Clara che stasera ho iniziato a leggere scivolando leggero come un buon vino siciliano che si beve fresco come acqua, ma ammazza le ginocchia… Ed oggi ho la mia famiglia, ed ho paura sempre che qualcuno me la porti via, l’ansia di guardar nel letto di Valentina  se respira, non so quando svanirà..ma ho la mia famiglia sgamba rata, ma mia.  Mia mia mia e mia.

Giornata di 30 gradi, siamo andati fino alla seconda croce a ringraziare Dio del nostro miracolo. Poi i suoceri erano soli.. abbiamo deciso di fargli compagnia alla fine sono solo vecchi ed avvizziti, come la vita che va.  E alla fine non è stata che una bella giornata assieme.

Valentina dorme come un ghiretto.Concedendomi di  iniziar a leggere il libro di Clara e di rilassarmi due orette..:-) famiglia-felice.jpg