Mi serve da fare il post..quello lasciando andar i pensieri..senno non dormo. Lasciando andar le mie pesantezze.

Mio suocero è malato, ha le anche anchilosanti, non gli resta che operarlo, ma lo vedo male, anche il marito di mia madre e li li a lasciarci le penne, ma non ci soffrirò tanto, mi ha sempre allontanata mia madre. Ieri sera ho visto mia sorella in cam dopo sei anni che non ci vedevamo, se invecchiata,è stata un emozione incredibile, io i capelli mi stanno diventando bianchi, lei è sempre uguale, mi ha confidata che vuol cambiar marito,  l’amico di Rainer è sempre invadente, si tira mio marito ad ogni festa con se, forse non è contento che il suo matrimonio è un fallimento, vorrebbe dar fastidio al nostro?Il libro di Clara sono rimasta  a meta’ , ma mi frema leggerlo appena ho la testa liberi da pensieri, perché per gustar le belle cose bisogna essere liberi di pensieri..e non sono libera dai pensieri.

Ci sono giorni che si intercalano a gioia e giorni che sono una stanchezza unica. Ogni giorno mi spunta un capello bianco. L’incapacità di mio marito è tanta, ma sono anche io che mi va bene cosi, mi fa incasinare quando è vicino a me e Valentina urla di pianto allora gli dico ” fammi far da sola..è meglio”. Le giornate sono state di un nero atroce, tra vento e tempestosi sembrava che l’ira di Dio cadeva in terra.Un nostra amica lottava per la sua vita e nulla mi è rimasto per credere ad un miracolo. Anche le mie incertezze sul Credo oscillano.  Il tutto mi ha portato indietro. Ricordando una notte di Agosto 2005  …

Non avevo fatto il test, avevo da poco fatto la isterosalpingrofia da un macellaio, senza anestesia e senza avermi avvisata che si rimaneva veloce incinta. Eppur non avevo fatto il test, andando a lavoro ( in un bar gelateria) nel mettere il macina caffè a macinare i chicchi di caffè..avevo nausea, non avevo bisogno di un test per dir a mio marito Georg siamo incinti. Lo sapevo vomitavo ad ogni angolo di strada ritornando a casa dal lavoro. Non avevo fatto neanche le beta ero serena, gravidanza naturale che volevo di più al terzo mese avrei fatta l’ecografia  pensavo. Eppur c’era quel feeling qualcosa mi diceva non va bene..avevo perdite strane ed occhiaie nerissime..andai dal gine , per vedere almeno se ero incinta.. non mi fece il test, mi fece solo la visita, non trovo nulla , mi disse sicuramente che era finito nel bagno, proprio cosi si spiego e mi mando a casa..io continuavo ad avere piccole fitte a destra..e svenimenti…e le mie occhiaie erano buchi neri.

Erano passate già otto settimane, una sera andammo ad una festa di compleanno, c’era per fortuna il mio capo amico G. Mio marito aveva bevuto un po’ troppo, io mi sono semplicemente ad un certo punto accasciata su una sedia ammutolendo dal dolore..Un dolore che a parole scritte non so spiegarvi, ma che prende dentro.. Il mio capo passando vicino me e non vedendomi mai zitta e bianca,capi che qualcosa non andava..poi una festa, chi urlava alzate le gambe, chi chiamiamo un’autoambulanza, chi si faceva prendere dal panico..io semplicemente mi alzai, dicendo, ma no non è nulla e chiamai mio marito se mi portava al pronto soccorso..quella sera stessa alle 3 di notte mi operarono di urgenza , persi una tuba..

ricordo l’indomani alzandomi,  firmai subito per uscire,volevo uscire da quella stanza di corsa , più di corsa possibile per non sentire i pianto dei bambini appena nati.

Eppur dopo quella un’anno dopo nel periodo uguale identico rimasi incinta, ed il piccolo morì al quinto mese per insufficienza placentare..

Poi mio marito si ammalo. E morì  di un tumore terribile devastante all’esofago quattro mesi di vita..ed ho passato tanto dolore che mi sembrava che una luce uno spiraglio non avrei piu’trovato e sarei rimasta vedova sola e senza figli..

eppur …Oggi siamo qui in tre.

Foto finestra della camera da letto.